Licenza di Marketing obbligatoria per aprire un’attività.

Licenza di Marketing

Da quando mi occupo di marketing per le mie imprese e, soprattutto, quando faccio formazione durante i miei corsi, sottolineo sempre questo concetto: tutti gli imprenditori dovrebbero conoscere il marketing perché è troppo importante per essere delegato totalmente, è un atteggiamento che può compromettere la vita della propria impresa.
Attenzione, ovviamente non è obbligatorio per legge passare un esame di marketing per aprire una partita iva, è una pura provocazione ma, se davvero fosse obbligatorio, si eviterebbero tanti fallimenti annunciati.

Così come la patente di guida riduce il rischio che uno si schianti sul primo albero quando si mette alla guida senza aver né studiato né fatto pratica, avviene lo stesso quando si apre un’attività senza considerare le regole fondamentali del marketing. Forse ti verrà da ridere ma, fermati un attimo a pensare a tutte quelle attività – magari di amici o parenti  – aperte senza nessun criterio, che miseramente hanno fallito.Molto probabilmente ti passerà la voglia di ridere.
Ci sono determinate categorie a rischio che vanno per la maggiore:

  • bar
  • negozi di abbigliamento
  • negozi di sigarette elettroniche (la preferita degli ultimi tempi)
  • ristoranti/pizzerie

Un’impresa che fallisce, licenzia dipendenti, non paga fornitori, né tasse allo stato, crea un serio danno per l’economia (soprattutto per dipendenti e fornitori, non per lo stato che vive sulla pelle degli imprenditori).

Perché queste imprese falliscono?

Di certo il problema non è la particolare categoria merceologica. Di fatto, ci sono delle attività che sembrano maggiormente accessibili e quindi più facili da aprire di altre, per questo sono quelle che falliscono di più. Spesso è la moda che porta ad aprire un determinato tipo di attività, ad esempio pensa ai negozi di sigarette elettroniche, quanti ne hanno aperti e quanti lo sono ancora? Il problema è pensare di “fare i soldi” aprendo un’attività senza usare, non tanto il marketing – il ché sarebbe preferibile-  ma almeno il buon senso.

Quanti di questi “pseudo imprenditori” si sono fatti, anche alla buona, dei calcoli sul mercato potenziale, su fatturato e costi di gestione?  Insomma, quanti si sono fatti dei conti realistici? Quanti, prima di aprire l’attività, fanno uno studio sulla concorrenza e su come sia possibile batterla?

Il peccato originale è fare impresa senza analizzare potenzialità e rischi del progetto che si intende realizzare (anche questa è una delle funzioni del marketing, lo sapevi?). Tante volte si apre un’impresa perché si è bravi in qualcosa, senza considerare se ci sarà qualcuno interessato a comprare quel “qualcosa”. Questo errore è letale. Se sono bravissimo a realizzare braccialetti di perline e, quello che vendo, non mi basta per pagare affitto e bollette, la mia bravura servirà a poco.

Come può, il marketing, impedire fallimenti annunciati, far aprire l’attività giusta e farla crescere?

Come avrai capito, l’aspetto più sottovalutato soprattutto quando si parla di piccola e micro impresa – a volte anche le grandi non scherzano – è quello del marketing. L’errore più commesso in assoluto è pensare che basti realizzare un buon prodotto per avere la fila fuori dal negozio di gente che vuole comprare quel magnifico prodotto. Certamente il prodotto è importante ma, ancora più importante è avere abbastanza clienti che comprino quel prodotto per pagare affitto, bollette, dipendenti, tasse e realizzare un utile decente! Avrai capito che, la cosa più importante non è tanto avere un buon prodotto ma clienti che vogliano acquistarlo.

Ancora peggio sarebbe seguire, credenze popolari, eccone alcune:

“con le sigarette elettroniche si fanno i soldi”

“con le agenzie immobiliari si fanno i soldi”

“con i negozi di abbigliamento si fanno i soldi”

“con le pizzerie si fanno i soldi”

ecc…

Certo che si possono fare i soldi, se sei bravo, in qualsiasi campo. Non è tanto il settore a farti fare i soldi quanto le tue doti imprenditoriali.

Dunque, come puoi ottenere clienti in abbondanza?

Semplificando, inizialmente dovresti fare 3 cose:

  • Scegliere il mercato giusto (che abbia clienti disposti a comprare i tuoi prodotti)
  • Ideare un prodotto/servizio in grado di aggiungere valore rispetto alla concorrenza
    (magari creando una nuova categoria di prodotto in cui essere i primi)
  • Promuovere questo prodotto, per fare in modo che le persone lo conoscano e lo acquistino

FACCIAMO UN ESEMPIO SUI BAR
Se proprio voglio aprire un bar nella mia città, dove ce ne sono già 1 ogni 100 metri, devo fare qualcosa di diverso ed unico, che porti i clienti a preferire me, piuttosto che gli altri bar. Di certo avrò scarse probabilità di sopravvivenza facendo quello che fanno già gli altri bar.

Devo capire se c’è una richiesta di quel mercato che non viene ancora soddisfatta. Se ad esempio i bar sono tutti focalizzati nel fare caffè e cappuccini, tu potresti specializzarti per pasti veloci a pranzo, aprendo magari in una zona ricca di uffici e banche. Se tutti fanno l’aperitivo, ma quest’aperitivo è carente di stuzzichini, puoi creare un happy hour ricco di cose sfiziose da mangiare. Se tutti fanno gli happy hour ricchi di cose sfiziose, tu specializzati in cocktail!

E così via. Insomma devi avere un punto di forza, un qualcosa che sai fare solo tu, in un determinato modo. Questo ti permetterà di uscire dalla mischia e, di farti preferire per un prodotto, senza escludere la possibilità di venderne degli altri. Chi viene per l’happy hour, può tornare per la colazione ed il pranzo!
Pensa a tutte le promozioni dei supermercati che “spingono” tramite cartellonistica e volantinaggio. Spesso promuovono anche prodotti sottocosto, con l’obiettivo di portare le persone nel negozio per fargli acquistare “questo e quello”.

Questi sono degli esempi banali per capire quale può essere un giusto approccio. Mai aprire un’attività senza tenere conto di quello che fa la concorrenza e, se non c’è concorrenza vuol dire che il mercato potrebbe essere ancora acerbo ma, allo stesso tempo, potrebbe essere un grande vantaggio perché saresti il primo a creare quel mercato.
(Da noi si dice: chi mena per primo mena due volte 🙂 )

Quello che manca in Italia è la cultura del marketing. L’idea comune è che il marketing sia pubblicità, fine.

Il marketing, invece, è la disciplina che può innanzitutto mettere basi solide al tuo business e successivamente far crescere e prosperare la tua azienda. Non è solo pubblicità. E’ strategia. E’ analizzare i punti deboli della concorrenza per colpirli e batterli, è studiare cosa desidera il mercato per realizzare un prodotto che risolva questo desiderio, è promuovere la propria impresa in modo efficace, è costruire un brand ecc…

Il marketing non è solo pubblicità. Non è una cosa che puoi delegare completamente ad altri (le scelte più importanti le devi fare tu). Insomma non è una cosa che puoi ignorare.

Ecco perché una maggiore cultura sul marketing  aiuterebbe gli imprenditori a creare aziende di successo, e l’economia in generale. Il Marketing crea ricchezza, non delegarlo, impara a farlo.

Cosa devi fare per evitare clamorosi errori di marketing prima di aprire un’azienda?

Fatti delle semplici domande prima di avventurarti in qualsiasi attività imprenditoriale:

1) Il mio prodotto/servizio risolve un problema sentito dal mercato? Offre una soluzione per cui le persone sarebbero disposte a pagare?

2) Come intendo differenziarmi dai miei concorrenti? Quali sono i loro punti deboli e come posso attaccarli e batterli?

3) Quali strategie di promozione utilizzerò per ottenere un flusso costante di clienti?

Se hai una risposta a queste 3 domande sei già sulla buona strada.
Ho cercato di semplificare al massimo, non a caso questo blog si chiama Marketing Semplice 🙂

Ritornerò sull’argomento approfondendo altri aspetti specifici del marketing.

The following two tabs change content below.
Consulente e Formatore, autore del libro: “I Segreti del Web Marketing Immobiliare”, (Franco Angeli), aiuta le imprese ad andare online in modo efficace. Tiene corsi di Formazione sul marketing online. Con questo Blog aiuta gli imprenditori a conoscere e ad applicare i vantaggi del web marketing nella propria impresa.

Comments

comments

Lascia un commento